A due settimane dalla fine del lockdown in Francia, torna a protestare il mondo della sanità, in prima linea nella crisi del Covid-19 tanto negli ospedali che nelle case di riposo, per chiedere migliori condizioni di lavoro e compensi più alti. Ieri erano in sciopero gli operatori del gruppo Korian, che gestisce 308 strutture per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Si rigioca? Lotito festeggia Cairo invece rischia grosso

prev
Articolo Successivo

“Volkswagen, il diesel era una truffa: ora mi risarcirà”

next