L’accordo

M5S-Pd-Iv, pace sui migranti: permessi sì, niente sanatoria

Dopo lunghe tensioni la maggioranza trova una quadra. Non potrà essere regolarizzato chi ha compiuto reati come il caporalato

14 Maggio 2020

Alla fine di una lunga maratona, densa di colpi di scena che hanno rischiato di mandare in testa-coda il governo, la maggioranza brinda all’accordo che consentirà di regolarizzare i lavoratori stranieri ma anche italiani, impiegati come braccianti, colf e badanti. Perché almeno su questo tema pare ormai raggiunto quel punto di equilibrio che, per dirla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui