Sono scomparsi “i cesti” dai nostri playground Nel campetto da basket sotto casa, a Bologna, c’è una novità: sono scomparsi i canestri. Il Comune li ha fatti rimuovere per evitare che si riempissero di ragazzi “assembrati” e assetati di pallacanestro. Visti così fanno una certa impressione: è una perfetta metafora di come il Coronavirus abbia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il 5S Di Nicola all’Unità per un giorno: “È un onore”

prev
Articolo Successivo

Una montagna di amianto dietro il Tav

next