Più tamponi positivi, più televisori accesi. Come una formula esatta. Ogni giorno con lo stesso ritmo, una ansiogena e drammatica corsa all’insù dal primo focolaio di Codogno del ventuno febbraio. Finché i contagi sono lentamente rallentati e gli schermi si sono altrettanto lentamente spenti. La curva dei malati di Covid-19 si sovrappone – come dimostra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Toti e la pioggia di pubblicità: 60 mila euro sul “Secolo XIX”

prev
Articolo Successivo

Rai e Mediaset al palo: avanti con le repliche

next