Caro Fierro, qui tento l’elogio del contenimento o lockdown che dir si voglia: spero continui sino ai primi bollori dell’estate. Sto come un pascià, infatti. Piglio il sole sul balcone, all’ultimo piano di una casa d’inizio Novecento: respiro a pieni polmoni, poiché l’aria di Milano, quassù, è ormai più che accettabile. Una coppia di merli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Alla fiera del calcio, gara all’ultimo cent

prev
Articolo Successivo

Altro che sanità pubblica: presto inizierà la guerra per gli spiccioli

next