Il premier “non è intervenuto a reti unificate” e la garanzia di replica avrebbe dovuto valere anche per lo “straripante tempo televisivo concesso negli ultimi mesi” a Salvini, afferma Nicola D’Angelo, magistrato, giurista e in passato componente dell’Autorità di garanzia. C’è chi sostiene che la par condicio andrebbe abolita. In una condizione di effettivo pluralismo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il bluff disperato di Salvini: sentire Casalino in Vigilanza

prev
Articolo Successivo

Messe, estetiste e caffè proibiti: ecco i “disobbedienti” del virus

next