Marsala, 24 marzo. L’ospedale “Paolo Borsellino” inizia a processare i tamponi per la diagnosi del Covid-19 perché Palermo non ce la fa ad analizzarli tutti. “Dopo qualche giorno il laboratorio ha chiuso per mancanza di reagenti”, sospira il sindaco Alberto Di Girolamo. “Era quello di riferimento per la provincia di Trapani. Ora 420 mila persone […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Coronavirus, Massimo Galli: “Liberi entro l’estate? Possibile Ma attenzione a nuove ondate”

prev
Articolo Successivo

Coronavirus e analisi sierologica – La multinazionale “italiana” e il test dalle uova d’oro

next