Settantuno anziani ospiti della casa di riposo “Come d’incanto” di Messina, 41 a tutt’oggi i positivi (erano 45, 4 sono guariti) e venti morti, il bilancio di una strage finito in una denuncia in questura: l’ha presentata la proprietaria della struttura, Donatella Martinez, secondo cui molti dei suoi ospiti “si potevano salvare’’. “La Rsa si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Indagini del Nas sui decessi e sull’intervento della Asl

prev
Articolo Successivo

Le lettere inutili alla Regione mentre il SarsCoV-2 fa strage

next