Appena alza la cornetta, è Ornella Vanoni a bruciare il tempo. “Come sta?”. Veramente siamo noi a domandarlo a lei. “Ieri sono uscita per la spesa, almeno una boccata, altrimenti divento pazza”. Si mette in coda. Ordinata aspetto. La fermano. Non capiscono chi sono, ho i capelli indietro, bardata, mascherina e occhiali; ogni tanto mi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Niente partite? Si scommette su meteo e tv

prev
Articolo Successivo

Passeggiare, diario di un crimine imperfetto

next