Il Quirinale e David Ermini, vicepresidente del Csm, nel maggio 2019 tentarono inutilmente di rimandare la nomina di Marcello Viola a capo della Procura di Roma. A riferirlo è Riccardo Fuzio, all’epoca pg della Cassazione, in due diverse occasioni. La prima è la conversazione intercettata con Luca Palamara, pm a Roma e gran tessitore della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Il Csm vota contro Bonafede: “Troppo poco sulle carceri”

prev
Articolo Successivo

Tiepolo, il pittore felice che inseguiva le nuvole

next