Per anni Jeanine Cummins ha cercato di scrivere una storia di immigrazione. Ha intervistato centinaia di migranti, medici, operatori, gente che vive al confine. Ha scritto due versioni. C’era però sempre qualcosa che non andava. “Non lo sentivo vero”. Poi è successo qualcosa. “Nel 2016 è morto mio padre. Improvvisamente. Ho smesso di scrivere. C’era […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Madrid oltre la Cina: 3.400 i morti

prev
Articolo Successivo

“Qui manca anche lo spazio per isolare i contagiati”

next