Donald Trump e i talebani avranno pure firmato, il 29 febbraio, una loro pace. Ma l’Afghanistan continua a vivere in guerra, anche Kabul, la capitale, ripetutamente insanguinata, nell’ultimo mese, da attacchi e attentati e dilaniata da faide politiche magari incruente, ma esasperanti. Ieri, ci sono state almeno 25 vittime nell’attacco contro un tempio hindu-sikh rivendicato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Digital revolution: l’arma degli 007 svelata dai nerd

prev
Articolo Successivo

La musica è finita (e gli artisti se ne vanno)

next