La versione moderna dell’indurre a miti pretese un alleato riottoso è tagliargli i finanziamenti. Ora gli Stati Uniti hanno deciso di fare così con l’Afghanistan. Kabul non dà seguito all’intesa con i talebani firmata dall’Amministrazione Trump e non forma un governo d’unità nazionale. Peggio, raddoppia i presidenti: oltre ad Ashraf Ghani, proclamato vincitore delle contestate […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Beirut, l’Amerika salva il boia

prev
Articolo Successivo

Addio Gallico: “Salutace” i tuoi Asterix e Obelix

next