Il mistero affonda le sue radici nella città delle mille luci e dei mille intrighi. Beirut, capitale di traffici e trafficanti, milizie politiche e personali, soldi facili, odi atavici e legami ancestrali, dove il passato non è mai davvero passato. Il caso di Amer Fakhoury, libanese naturalizzato americano, che giovedì scorso è stato prelevato dalla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Non è più “italietta”, Londra e Parigi copiano

prev
Articolo Successivo

Kabul non fa pace con i talebani, Zio Sam s’arrabbia

next