Nonostante l’emergenza coronavirus in corso anche in Egitto da un mese, il regime presieduto da al-Sisi non ha allentato la morsa dell’oppressione contro quelli che definisce “terroristi” ed “eversori”, mentre si tratta, spesso, di cittadini che esercitano i diritti di espressione e critica ritenuti inalienabili dalle Convenzioni umanitarie internazionali. La magistratura anziché scarcerare coloro che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Un Orbán (può essere) per sempre

prev
Articolo Successivo

1963, il pentito Valachi in America: “La mafia si chiama Cosa Nostra”

next