Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede lo ha garantito: “Lo Stato non indietreggerà di un centimetro di fronte all’illegalità”. Non si asseconderanno le richieste di indulto o amnistia di quei detenuti che, con la scusa della sospensione dei colloqui per evitare il contagio del virus Covid-19, hanno dato vita a rivolte in 28 carceri. “Atti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il Parlamento a “scaglioni”: si vota con le finestre aperte

prev
Articolo Successivo

Lettere d’amore dall’esilio: Fascina e Silvio in fuga dal virus

next