Dieci anni fa il premier B. stalkerava il suo uomo all’Agcom, Giancarlo Innocenzi, perché trasformasse l’Autorità garante delle comunicazioni in un Tribunale Politico della Verità (la sua) e multasse la Rai per Annozero di Santoro, Ballarò di Floris e Parla con me della Dandini fino a provocarne la chiusura. Non sapeva che Innocenzi era indagato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

sabato 22 febbraio 2020

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Vauro

next