Quando la sua primogenita era alle elementari, un decennio fa, Michela Zamboni pensava che quelle sull’acqua potabile contaminata fossero solo dicerie. “L’acqua del sindaco – si diceva abitualmente in paese – è pulita”. Con buona pace dei detrattori accusati di allarmismo, la vita a Legnago, in provincia di Verona, proseguiva serenamente. Sette anni fa, però, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

L’attivismo cattolico del premier e il sostegno della Chiesa italiana

prev
Articolo Successivo

Il postino mancato: senza lavoro per uno scarabocchio

next