Da quando il fotoreporter milanese Gabriele Micalizzi venne ferito gravemente dall’esplosione di un razzo anticarro lanciato dall’Isis contro una postazione curda a Baghuz, in Siria, è trascorso un anno esatto. Nonostante le numerose operazioni per ricostruirgli un occhio, i timpani perforati e la perdita di una falange, in questi dodici mesi Micalizzi non si è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Idlib, più bombe per tutti. È colpa dei “terroristi”

prev
Articolo Successivo

“Il Bestiario d’amore”, desiderio di Medioevo

next