Si chiama Francesco Paolo Rizzuto, all’epoca del duplice omicidio aveva 16 anni e con suo padre era compagno di pesca di Nino Agostino, del quale era anche vicino di casa e potrebbe avere assistito al delitto: è il “terzo uomo” dell’inchiesta, indagato per favoreggiamento aggravato, oltre ai boss Nino Madonia e Gaetano Scotto, nei cui […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Spazzacorrotti non retroattiva, Ardita: “Il garantismo esiste alla fine soltanto per i colletti bianchi”

prev
Articolo Successivo

“Azoto e non ossigeno a mio figlio. Dopo 9 anni tutto in prescrizione”

next