In Siria, è sempre così, da ormai quasi nove anni: a fasi alterne, tutti sparano su tutti. E l’asserto è sempre lo stesso: “Combattiamo i terroristi”, dove, volta a volta, terroristi significa oppositori, o sostenitori, del regime; o curdi che combattono l’Isis, ma sono terroristi per i turchi; e talora pure bande vicine ad al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Consulenze d’oro, la mezza verità di Ursula von der Leyen

prev
Articolo Successivo

“Per capire le guerre serve un fotoreporter”

next