All’oscuro del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, ieri in Corte costituzionale l’avvocato della Stato Massimo Giannuzzi ha sorpreso davvero tutti, dai giudici ai penalisti ai giornalisti: ha chiesto, come gli avvocati difensori, che la legge Spazzacorrotti venga dichiarata non retroattiva nella parte in cui nega misure alternative al carcere ai condannati per reati gravi contro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Fatto a mano di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Si spera che non sia la Lega a liberarci dal bullo pokerista

next