L’avvocato siciliano Piero Amara, ex legale esterno di Eni, è tornato in carcere lunedì scorso. Finito al centro di numerose inchieste giudiziarie, Amara è considerato uno dei registi e artefici del giro di mazzette per corrompere magistrati, giudici e periti, e indirizzare inchieste e sentenze nei tribunali ordinari, amministrativi fino al Consiglio di Stato. Arrestato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Triste ferrara, da Bassani a Sgarbi

prev
Articolo Successivo

Se pure il make up di Trump diventa un’arma contro Rula

next