Il dossier

Salvador, all’inferno e ritorno

Gli Usa e i rimpatri forzati. La fuga, i rientri, la morte: Javier ucciso dalla banda da cui era scappato, Angela ha ritrovato il suo stupratore

9 Febbraio 2020

Javier aveva 17 anni quando, nel 2010, sfuggì al reclutamento della banda del suo quartiere rifugiandosi negli Stati Uniti dove viveva già sua madre, Jennifer B. Aveva 23 anni Javier quando morì per mano della gang rivale, quattro mesi dopo essere stato rispedito a El Salvador, causa respingimento della richiesta d’asilo da parte degli Usa. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui