Per le prime due settimane, il processo ad Harvey Weinstein è stato una storia di pressioni, abusi sessuali, ricatti di un potentissimo produttore nei confronti delle sue attrici. Poi, è arrivata la testimonianza di Jessica Mann. La giovane, cresciuta nella casa mobile di una fattoria nello Stato di Washington, in una famiglia di religiosi evangelici, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Caos dem, Trump pensa ai prossimi quattro anni

prev
Articolo Successivo

Don Fiorello benedice il Festival. Il resto è noia

next