Donald Trump pare re Mida: quel che fa diventa oro – politicamente parlando, voti – anche quando sulla carta gli eventi dovrebbe essere avversi. L’inizio di febbraio pareva un percorso minato: l’avvio con i caucuses nello Iowa delle primarie democratiche, un trampolino di lancio potenziale per i suoi rivali; il discorso sullo stato dell’Unione pronunciato, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il villaggio Potemkin del plagio

prev
Articolo Successivo

Weinstein, l’accusatrice diventa “imputata”

next