Una tregua quotidianamente punteggiata di violazioni. Un embargo sulla vendita di armi “tradito” pure da chi l’ha sottoscritto. In queste condizioni, puntare a una soluzione politica della crisi libica resta un obiettivo irrealistico nel breve termine. Due settimane or sono, il 19 dicembre, la Conferenza di Berlino diceva “sì” alla tregua e all’embargo e “no” […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Abu Mazen rompe con Israele e Usa: “Ho il mio Piano”

prev
Articolo Successivo

Non sono una maestra

next