Èdi pochi giorni fa la notizia di un’indagine su larga scala della polizia bulgara culminata nel fermo (seguito da dimissioni) del ministro dell’Ambiente bulgaro, Neno Dimov, per aver consentito il trasferimento e lo smaltimento di 9000 tonnellate di rifiuti urbani italiani in siti non adeguati e non autorizzati nelle città di Vraca e Pleven. Ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

M5S nemico pubblico come Bossi 30 anni fa

prev
Articolo Successivo

Governo, la fase 2 deve partire dalla riforma Rai

next