Finora, avevano dovuto trattare con lui soltanto – si fa per dire – sulla faccenda della prescrizione. Ma da ieri, il resto dei giallorosa, con Alfonso Bonafede dovrà averci a che fare per ogni cosa. Così, l’esordio del nuovo capo delegazione si trasforma in un test per la “fase due” della maggioranza. Quella che arriva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“Passata la paura di Salvini, il rischio ora è la restaurazione”

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Vauro

next