L’ennesimo tour in Africa del presidente turco Recep Tayyip Erdogan si è concluso, non casualmente, alla vigilia del summit dell’Unione Africana sulla Libia. A parte la costante presenza turca nel Maghreb dovuta ai legami intessuti in epoca coloniale, negli ultimi dieci anni la Turchia è riuscita a farsi spazio nei Paesi dell’Africa orientale a maggioranza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Tory e dissidi azzoppano la BBC: 450 licenziamenti

prev
Articolo Successivo

Coloni, fuoco amico sul “Piano del secolo”

next