Matteo Salvini nelle vesti di astro discendente e Matteo Renzi nel ruolo dell’irrilevante. I due omonimi, simili per carattere e anche per improvvise perdite di lucidità politica, sono i primi sconfitti delle elezioni Regionali. Con loro, perde un tipo di leadership, onnipresente, arrogante, poco rassicurante. Luigi Di Maio non si salva l’anima (e forse neanche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Santelli fa festa, ma la Lega non brinda. E il centrodestra già litiga su chi sarà il vice

prev
Articolo Successivo

Quella mezz’ora da Vespa in cui la Lega ce la poteva fare

next