Quando si parla di “luoghi della memoria” tutti conoscono Aushwitz e Birkenau; Mauthausen in Austria; Bergen-Belseno il ghetto di Varsavia e quello di Terezin nella Repubblica Ceca, ma senza andare troppo lontano anche l’Italia ha la sua mappa di “luoghi” della memoria: campi, snodi ferroviari e strutture che testimoniano il tentativo dei nazisti di sterminare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il lungo martirio dell’Università

prev
Articolo Successivo

Rui Pinto, l’hacker dei Football leaks inguaia anche la figlia dell’ex presidente dell’Angola

next