A Napoli, così dicono, esiste ancora l’arte di arrangiarsi. E allora, caro Coen, ti racconto la storia di un tizio (non voglio fare nomi per evitare di fargli pubblicità), che si inventa tour operator e guida turistica per vendere al miglior offerente il cancro della città: la camorra. Organizza un “mafia tour” per turisti un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Piero Nissim racconta Frida Misul, scampata al lager cantando

prev
Articolo Successivo

Il cardinale della Grande Bellezza diventa Decano e regista del Conclave

next