Quaranta atti vandalici gravi. Materassi bruciati, porte sfondate, strutture danneggiate. Tre tentativi di fuga, di cui due riusciti, solo a gennaio. E poi risse quotidiane e atti di autolesionismo. Il tutto a poco più di un mese dall’inaugurazione. “Il Centro di permanenza per il rimpatrio di Gradisca d’Isonzo – ammette Giovanni Sammito, segretario provinciale e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Il “metodo Kurosawa” nelle false accuse al legale ambientalista

prev
Articolo Successivo

Fiaccole per Regeni in tutta Italia. La madre: “Finora 4 anni di fuffa”

next