“Sulla pelle dei tarantini ogni giorno arriva quella polvere, se per una volta è arrivata sulla giacca di un onorevole non dovrebbe essere una cosa così eclatante”. Si sono difesi così alcuni degli attivisti tarantini finiti sotto processo per la manifestazione contro l’allora premier Matteo Renzi e le proteste contro l’ex deputato tarantino del Pd, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La sconfitta di Foodora & C. “I rider sono dipendenti”

prev
Articolo Successivo

Raggi-Zinga, l’ultima guerra è sul bando Case popolari

next