Tra i No Tav c’è chi sospetta che Paolo Foietta, ex commissario del governo all’alta velocità Torino-Lione ed ex presidente dell’Osservatorio per l’asse ferroviario (cioè il tavolo di confronto sulla Tav tra governo, amministratori locali, associazioni datoriali, forze sociali e altri), abbia portato avanti il suo secondo incarico nonostante fosse decaduto il 14 febbraio 2019. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Raggi-Zinga, l’ultima guerra è sul bando Case popolari

prev
Articolo Successivo

Georgiano morto al Cpr: il superteste è pronto a tornare

next