“Enukidze è stato pestato in due occasioni prima di morire”. Nuovi dettagli dalle testimonianze fornite ai pm di Gorizia sulla morte di Vakhtang Enukidze, il 38enne georgiano trovato morto lo scorso 18 gennaio in una stanza del centro permanenza rimpatri (Cpr) di Gradisca d’Isonzo, poco distante dal capoluogo giuliano. Secondo una decina di stranieri, ascoltati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“Il vaccino non è affare privato”. I pm contro i “furbetti no vax”

prev
Articolo Successivo

Sindrome Coronavirus Sospetti su paziente a Bari

next