Alla fine del 2016, furono un’ondata di proteste di piazza e la forte indignazione internazionale ad affossare una proposta di legge che voleva reintrodurre in Turchia una forma di “matrimonio riparatore”. Ora, l’Akp di Recep Tayyip Erdogan ci riprova. Inserita nei meandri di un ampio pacchetto di riforma del sistema giudiziario, la norma preparata dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

L’addio di Simone e quel che dice a tutti sul lavoro rimasto solo

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Franzaroli

next