Aonor del vero, nessuno li aveva dimenticati. Vito Crimi e Roberta Lombardi sono di diritto la pietra fondante dell’immaginario collettivo, quando si parla di Cinque Stelle. Il loro streaming con Pier Luigi Bersani – concluso con la definitiva sentenza: “Non siamo a Ballarò” – spiegò meglio di qualsiasi comizio che erano arrivati e niente sarebbe […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Conte rassicura, ma per il Pd si apre “una fase tutta nuova”

prev
Articolo Successivo

Salvini ci rimane male: “È tutta colpa di Grillo”

next