Quanto ci mancano Fruttero e Lucentini! Forse solo loro potrebbero commentare degnamente non solo la transizione acrobatica di Giuseppe Conte dalla versione Conte 1 alla versione Conte 2, ma anche l’aplomb del presidente del Consiglio in carica, la calma apparentemente serafica con cui affronta le quotidiane risse di governo, la capacità negoziale, quel suo fintamente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Mail box

prev
Articolo Successivo

Un manifesto per la sinistra che non c’è

next