I nuovi direttori delle tre reti Rai proposti da Fabrizio Salini passano, tra mille intoppi e difficoltà, in un cda lunghissimo (oltre 8 ore), che ha visto momenti di grande tensione tra alcuni consiglieri, l’amministratore delegato e il presidente Marcello Foa. “Un bagno di sangue”, dice qualcuno. Il parere del cda non è vincolante e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“La nostra riforma dell’Irpef non si mette in discussione”

prev
Articolo Successivo

I giallorosa: la data del voto su Salvini la decida la Casellati

next