L’app per appuntamenti più utilizzata dagli omosessuali viola la privacy dei suoi utenti: la denuncia arriva da una organizzazione non profit norvegese (ma finanziata dal governo), Norwegian Consumer Council, che ha presentato le sue accuse di violazione del regolamento sulla privacy europeo (Gdpr) al garante dei dati norvegese. Ma la storia è molto più vasta. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Mail Box

prev
Articolo Successivo

Confindustria, la guerra di potere tra i vertici con le aziende in crisi

next