Washington, Kiev, Mosca. Poi al contrario: Mosca, Kiev, Washington. La storia potrebbe cambiare di nuovo in pochi click e anche ora, come nel 2016, a riscriverla sarebbero gli hacker russi. A novembre scorso sono entrati nei server della compagnia energetica legata all’impeachment di Donald Trump, la Bursima, già al vaglio degli inquirenti americani che hanno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Usa 2020: maschi, bianchi (e ricchi) per battere Trump

prev
Articolo Successivo

Sanremo, si fa prima a dire chi mancherà

next