A Luca Josi gli cerco sempre un punto, una bruciatura, uno sbrego sulla pelle. Precisamente sul dorso della mano destra. Dovrà avercela ancora, chissà. Quando capiterà di rincontrarsi controllerò. Ne sono ipnotizzato di quel punto perché mi sveglia un senso di colpa, la vergogna e poi quel disturbante ingresso della storia nella vita di ogni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Dalle sigarette nasce un fiore: in Toscana l’esperimento green

prev
Articolo Successivo

Vita e opere di Bruno Zevi, architetto di un mondo libero

next