“E allora penso che no, gli italiani non sono razzisti. Sono solo spaventati da un mondo che cambia, che diventa sempre più plurale in un momento di crisi economica e valoriale, e di crollo della fiducia e delle certezze” (da “Quello che abbiamo in testa” di Sumaya Abdel Qader – Mondadori, 2019 – pag. 177) […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Taglio parlamentari: Salvini contro Salvini

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Franzaroli

next