Una città blindata. Il quartiere Candelaro deserto. Le volanti della polizia a decine coi lampeggianti accesi in un silenzio assordante. A squarciarlo è stato il grido unanime “Foggia libera” di migliaia di partecipanti – c’è chi dice 20 mila – alla manifestazione organizzata da Libera contro le mafie di Don Luigi Ciotti, che ha rimbombato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Quarant’anni di sangue nero. Prossima fermata: i mandanti

prev
Articolo Successivo

Il grido della cenerentola di Puglia

next