Passati esattamente dieci anni dalla rivolta dei braccianti stranieri di Rosarno, lo sfruttamento e il caporalato sono fenomeni ancora presenti nella Piana di Gioia Tauro. Non hanno la stessa ferocia e le stesse dimensioni di quello che tutti hanno conosciuto nel 2010, quando un gruppo di immigrati si sfogò prendendo d’assalto la città, ma non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Le ragioni economiche dello scontro Usa-Iran

prev
Articolo Successivo

“Green” Sala inizia il 2020: via il parco, ecco il cemento

next