Philippe Lançon lavora con le parole: i terroristi gliele hanno tolte di bocca, portandosi via parte della sua mandibola con una scarica di proiettili all’impazzata. Era il 7 gennaio del 2015, e Philippe uno dei tanti giornalisti e vignettisti presenti alla riunione di redazione di Charlie Hebdo: dodici persone sono morte lì dentro o nei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Charlie Hebdo, cinque anni dopo l’attentato. Il caporedattore Biard: “La satira resta viva, ma pochissimi ormai la capiscono”

prev
Articolo Successivo

Befana di governo, Sánchez convince gli indipendentisti

next