Dell’uomo che nei piani futuri dell’ayatollah Ali Khamenei sarebbe diventato il prossimo presidente dell’Iran non è rimasto quasi niente, fra i rottami dell’auto che l’attendeva all’aeroporto di Baghdad. Qassem Soleimani alla fine è stato identificato soltanto grazie al grosso anello che portava al dito medio della mano sinistra. Veniva chiamato “Keyser Soze” il comandante delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Trump: “Il generale Soleimani dovevamo eliminarlo anni fa”

prev
Articolo Successivo

Guerra in Iraq nel 1991: così la bomba “intelligente” Usa ammazzò mille civili

next