Ferragosto 1977. Quando le autorità italiane dissero che l’ex ufficiale delle Ss Herbert Kappler, il boia della Fosse Ardeatine, era evaso dall’ospedale militare Celio di Roma in modo rocambolesco, prima calato con delle corde da una finestra che stava a 17 metri d’altezza, poi, una volta fuori dell’ospedale, nascosto dentro una valigia Samsonite, pochi ci […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Oh my Ghosn! Se n’è fuggito nel fodero del contrabbasso

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco chiede scusa. E Salvini lo sbeffeggia in Rete

next